Che la competizione di Natale abbia inizio!

Twat = Coglione
Sebbene questa foto sia taroccata a me ha fatto tanto ridere!
La settimana scorsa sono andata a Newmarket come visitor e sulla mia via le decorazioni che c’erano fuori dalle case erano come quelle della casa a sinistra nella foto. Purtroppo non ho foto perché stavo guidando. Pero’ ho pensato a questa foto e mi ha fatto sorridere.
Perche’ sembra che i vicini facciano a gara a chi ha le decorazioni più belle. Io ero già in stress competitivo, per fortuna nella mia via sono peggio di noi.
Io mi sono limitata al tradizionale albero, che nonostante i 4 gatti e’ ancora in piedi dopo una settimana. Ah, se in Italia i miei avevano un albero (anzi hanno) comprato nel 1984, qui la prima scelta e’ “vero”. Devo ammettere che il profumo e’ notevole. E così il Ginger sara’ contento che abbiamo più legna per la stufa.

E la ghirlanda sulla porta, che mi piaceva tanto. Ma non avendo figli ho evitato il segnale luminoso “Santa please stop here”.

Un’altra usanza e’ il biglietto di Natale: lo DEVI scrivere. A tutti. Ci sono biglietti, prestampati con su scritto: “ai vicini”, “alla zia”, “alla mamma e al suo fidanzato”, “al gatto”, “al cane”, “dal gatto”, “da figlia e ragazzo”, “da figlia e fidanzato”, “da figlia e genero” e così via. Scaffali di biglietti “da” “a” chiunque.
Vi auguro un Buon Natale e felice anno nuovo. Da me e dagli orribili individui.

Leave a Reply