CSI Lowestoft. Medicina veterinaria forense

Recentemente c’è stato il test di ingresso di medicina veterinaria, di quelli che vogliono fare il veterinario perché “amano gli animali”. Di quelli che mi scrivono perché vogliono una scorciatoia per essere ammessi (non esiste una facoltà senza numero chiuso?).

A volte mi chiedo se questo “amore per gli animali” non sia tutta ipocrisia.
L’RSPCA tutti gli anni scrive un report sui più terribili casi di maltrattamento che finiscono bene e male. Sfido tutti gli aspiranti veterinari a leggerlo. Questo è quello che potrebbe capitarvi. Volete ancora fare il veterinario? (NON APRITE IL REPORT SE SIETE DI ANIMO SENSIBILE, LE IMMAGINI SONO MOLTO FORTI)
In America e un pochino anche qui in UK si sta sviluppando la medicina veterinaria forense. Veterinari specializzati in casi di abusi sugli animali. Ho appena comprato due libri al riguardo.
Non so se l’intervista a Melinda Merck che dice “se non io, chi?” mi ha fatto capire che è un altro settore che mi affascina. Sarà anche la mia passione per Criminal Minds, tutte le versioni di CSI eccetera, il nonno agente della scientifica che hanno contribuito a farmi innamorare di questo settore.
Mi è sempre piaciuta l’idea di fare giustizia. Devo assolutamente approfondire di più la mia conoscenza al riguardo.

Leave a Reply