Fuori dal mondo

L’ultimo ricordo che ho dei miei amici, è la festa di “addio” che avevamo organizzato. Tutti insieme. Il pensiero più bello (che mi aveva commosso tanto): una foto del nostro gruppo, tutti insieme.

Poi io sono venuta qui. Dopo un tentativo di rivedere tutti per quei pochi giorni che ero in città a novembre sono ritornata qui.

Quelli che erano riusciti a venire a salutarmi mi avevano riempito il cuore di gioia.

Ora, ad un anno di distanza il gruppo non c’è più. Chi si è perso di vista in quanto fidanzato (o single), chi ha litigato, fatto sta che il gruppo della foto che ho nel mio futuro “black museum” non c’è più.

Nel mio futuro black museumc ci sono due foto. Una di me con i miei genitori alla mia laurea. L’altra la foto che mi hanno regalato i miei amici, una tavolata di tutti noi.

Sento quasi tutti singolarmente, e mi fa sempre piacere sentirli, ma l’idea che quando tornerò non ci sarà il mio gruppo ad aspettarmi, mi destabilizza.

Soprattutto perchè qui a parte i colleghi non è che abbia chissà quali amici. Con facebook non sembrano così lontani, ma poi vedi che il punto dove hanno fatto il check-in, che prima era a 600 metri da casa tua, ora è a 1300km.

Io qui sto bene, ormai ho la mia famiglia e il mio lavoro che non fa altro che darmi soddisfazioni, ma a volte mi mancano i ricordi, mi manca sudare in canotta alle dieci di sera d’estate a una delle cene a casa di qualcuno, dove mi prendevano in giro perchè mi ingozzavo di noccioline o perchè dicevo sempre “no, per me non fare niente che sono a dieta” e poi puntualmente mangiavo come se non ci fosse un domani.

 

Vi voglio bene.

Ovunque voi siate. Ovunque io sia.

Leave a Reply