La Barbie veterinaria, un pessimo esempio!

Pessimo esempio anche tutti i giochi che prevedono di “simulare” la vita del veterinario. Innanzitutto, la Barbie, dovrebbe chiamarsi “Barbie medico veterinario”, ma vabbè, sorvoliamo.

Tuttavia, quando leggo “voglio-fare-veterinaria-perchè-amo-gli-animali” mi domando se veramente sanno cosa vuol dire fare il veterinario. Ecco, mi rivolgo alle aspiranti Barbie Veterinarie (o Ken, ma questi sono meno diffusi).

Medicina veterinaria dura (in teoria) 5 anni. In realtà laurearsi in 5 anni è l’eccezione, la regola è 7-8. Devi fare una cosa come 42 esami (anche se la mia compagna di corso ha contato che ci si siede davanti ai professori per 62 volte!!!), e suddetti esami non sono compitini, spesso e volentieri sono più di un tomo di 300 pagine da studiare. Ma va bene, studiare e prendere una laurea in Italia sono capaci tutti.

Ora la vita del veterinario.
A parte i cuccioli che vengono per il primo vaccino, tutte le altre cose sono disgrazie. Tumori incurabili, gatti investiti con una gamba rotta e l’altra mezza scuoiata, cani azzannati da altri cani, gatti coperti di pulci che stanno morendo dissanguati, il tutto accompagnato per l’80% da padroni che….lasciamo perdere…

Ora, credetemi, se amate gli animali come la Barbie Veterinaria (ossia paffutelli, puliti, in salute e profumati), aprite una toelettatura.

Negli anni mi sono arrivati addosso ogni sorta di fluido corporeo.

Detto questo, ovviamente il mio lavoro ha anche lati positivi. In clinica ci sono 3 gattini neri che sono un’amore, molti dei tuoi pazienti ti riconoscono e ti adorano, quando riesci a guarire qualcuno è una sensazione stupenda.
Vi chiederete ora, perchè ho fatto medicina veterinaria. Ebbene, per il semplice fatto che preferisco gli animali alle persone, amavo la medicina e preferisco salvare la vita degli animali e dedicare la mia vita a loro, piuttosto che a certi tipi di essere umani. Al giuramento di Ippocrate avrei spergiurato (sebbene vedendo certi medici l’ho “simpaticamente” ribatezzato “giuramento di Ipocrate”, ndr).

Quindi, mamme di aspiranti Barbie Veterinarie, per preparare al meglio le vostre figlie il consiglio è: cospargete la Barbie giocattolo nella pupù di Fufi…se ci giocherà lo stesso, è un buon segno!

 

2 comments on “La Barbie veterinaria, un pessimo esempio!

Leave a Reply