Piccoli successi

So che tra i lettori ci sono i nuovi Ettinger, Fossum e Tams, ai quali questi miei piccoli successi sembreranno inezie, in quanto loro le fanno con occhi bendati, una mano dietro la schiena, e il paziente in  punto di morte per dare un po’ più di adrenalina alla cosa, ma se mi lasciate spiegare capirete perchè sono felice di tutto questo.

Ho iniziato a fare le chirurgie. Nulla di che. Castrazione cane e gatto, sterilizzazione cagna e gatta.
So che vi state chiedendo dove sia la soddisfazione, visto che sono interventi di routine, ma per me, che non avevo mai preso una lama in mano, è stata un’emozione incredibile, soprattutto quando mi hanno fatto i complimenti per le mie doti di chirurgo (io? davvero?).

Rimuovo anche “lumps” ossia neoformazioni (bubboni) cutanei. La chirurgia dei tessuti molli inizia ad intrigarmi mica poco! Anche qui, ho ricevuto molti complimenti per le suture, e per me, che era la seconda volta che prendevo in mano un portaghi, è stata davvero una grande soddisfazione.

Ciliegina sulla torta, ho rimosso un corpo estraneo con l’endoscopio. Bellissimo, mi sembrava di usare una di quelle macchinette del luna park con la manina, dove si perde sempre. Ovviamente, fortuna del principiante, prima volta che prendo in mano l’endoscopio, et voilà ho il mio trofeo in un barattolo (pezzo di gomma).

Mi rendo conto che sono davvero “cagate” quelle citate qui sopra, ma quando vieni da una realtà dove vieni trattato come un imbecille (tu? toccare una lama da bisturi? con quale qualifica? prima devi pulire 1000 pavimenti, 1000 gabbie, 1000000 di ferri, applaudirmi almeno 10000 volte dopo che IO ho fatto la chirurgia e FORSE ti faccio incidere la cute, urlandoti quanto sei incapace e finendo io il tutto, perchè tu non sei degno) davvero ti senti rinascere, e la tua autostima risale di molto. 

Ecco, questa è la soddisfazione, per tutte le volte che mi hanno dato dell’incapace ricevere un complimento. Per tutte le volte che mi hanno scoraggiato a fare qualcosa, ricevere un incoraggiamento a riprovare, perchè ce la posso fare.

Grazie ai miei colleghi veterinari più “anziani” che mi aiutano, grazie al mio capo che mi incoraggia a prendere l’iniziativa, grazie alla head nurse che ha grande stima di me e a tutte le infermiere che mi ricordano di respirare durante l’intervento! 😉

2 comments on “Piccoli successi

Leave a Reply